Parità uomo donna

Sono per la parità tra uomo e donna, non uguaglianza nel senso che non siamo tutti uguali (come persone intendo) ma parità si, pari diritti e pari doveri, pari opportunità e pari libertà.

Quando qualcuno dice che le donne sono così e gli uomini sono così io provo un senso di fastidio anche fisico, trovo queste categorizzazioni e queste banalizzazioni stupide, retrograde e purtroppo molto pericolose e ogni santo giorno della mia vita affermo la mia visione del mondo fatta prima di tutto di persone, ognuna diversa, ma ognuna alla pari con le altre persone in tutto.

Eppure mi sono resa conto che ho dei pregiudizi, mi sono resa conto che anche io cado nella stupide, banali, retrograde categorizzazioni.

Da qualche mese sono in chat e mi sono accorta subito di che tipo di ambiente è: il 90% degli uomini sono li alla ricerca di sesso, molti di loro sono volgarmente banali, molti purtroppo sono arrabbiati con il mondo ma soprattutto con le donne, molti sono superficiali e quasi tutti sono annoiati. Molti purtroppo semplicemente non hanno niente da dire…

Quindi quando inizio un dialogo con un uomo nel 90% dei casi mi aspetto questo tipo di dialogo (che dura molto poco naturalmente, sia perché non tollero offese e volgarità, sia perché il monotematismo mi annoia da morire).

Ma quando inizio il dialogo con una donna mi aspetto qualcosa di diverso.

E qui casca il palco, perché dovrei aspettarmi qualcosa di diverso? Solo perché è donna?

Eppure ogni volta mi stupisco: dialoghi assolutamente banali e purtroppo dialoghi che sfociano banalmente subito nel voler parlare di sesso.

E allora mi chiedo: la chat è il mondo perfetto dove uomini e donne sono davvero alla pari (purtroppo con la tendenza al basso) oppure ci sono un sacco di uomini che si fingono donne pur di parlare di sesso?

Ai posteri l’ardua sentenza.


Un pensiero riguardo “Parità uomo donna

  • Settembre 15, 2019 in 10:18 am
    Permalink

    Partendo dal presupposto inconfutabile che le Donne sono meglio dei Maschi (smettiamola di chiamare i maschi uomini, perchè per uomo si intende il genere umano che contiene maschi e femmine), nel suo peraltro sagace intervento, ci sono dal mio punto di vista, alcune inesattezze:
    Maschi e femmine sono diversi, ma non lo dico io, lo dice la natura, la Mamma dell’Umanità e di ogni altro essere vivente e non. Fra i maschi e le femmine ci sono organi diversi, ormoni diversi, attitudini diverse e, spesso, anche gli stessi organi hanno caratteristiche fisico-funzionali diverse. L’errore che si commette e, purtroppo, quasi sempre sono le femmine a farlo, è proprio quello di considerarsi uguali, ma se non siamo uguali come si può perseguire per secoli questo fondamentale equivoco? La diversità si estrinseca anche in una differenziazione di funzioni: io sono maschio e vorrei partorire! vorrei allattare! vorrei avere le mestruazioni! e per questo faccio manifestazioni, fondo associazioni, ecc.. La cosa più probabile è quella di trovare al portone dei signori e signore vestiti di bianco che mi portano via con una automobile bianca con lampeggiante azzurro. l’occasione persa è stata di tale impatto che le femmine si sono dovute accontentare delle “quote rosa” con la conseguenza di avere accettato di essere equiparate non ai maschi, ma ai diversamente abili, maschi o femmine che siano, che da soli non riescono a trovare la loro collocazione. Le Donne avrebbero dovuto chiedere non la parità dei diritti, ma la parità della dignità del ruolo femminile con quello maschile. Solo così si sarebbe avuto un punto serio di partenza per progressivamente educare i maschi a trattare le femmine con la stessa dignità.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *