Voglio fuggire dalla mia vita

Eccoci alla fantomatica soglia degli anta.

Per un mese ancora posso vantarmi di essere ancora nei trenta. Mi guardo indietro e vedo tutta la mia strada percorsa.

Guardo avanti e sento che c’è ancora una possibilità per me.

Porto un bagaglio di gioie e dolori come tutti.

La mia gioia più grande è il mio bimbo, per cui ho dovuto lottare e per cui lotto ancora.

Il mio dolore più grande è il mio matrimonio, andato in mille pezzi a causa di un marito che ha dato poco e preso molto. Che si è dimenticato che non sono sua mamma ma la sua compagna. Che è dipendente da me nonostante abbia 44 anni; e io sono davvero stanca di badare a lui come fosse il secondo figlio che non potrò avere.

Ho sposato una persona tossica e non la posso lasciare perché, come ciliegina sulla torta, ha problemi lavorativi e ha mandato la famiglia sul lastrico.

Ed eccomi qui, a quarantanni, stanca di portare il peso di una famiglia sulle spalle. Vorrei piantare tutti in asso e andarmene, ma non si può.

Si può solo stringere i denti e andare avanti.

Ma sogno una vita senza di lui…  il desiderio di lasciarlo è la mia spinta, la mia motivazione per andare avanti, nella speranza di un futuro che finalmente mi sorrida.

…E intanto facciamo i separati in casa, ma non ce la faccio più…


6 pensieri riguardo “Voglio fuggire dalla mia vita

  • Aprile 11, 2019 in 7:57 pm
    Permalink

    Ciao Ginger, come ti capisco! Ho una situazione molto simile alla tua con l’unica differenza che tra poco ci sarà la separazione, anche se dovrò tenerlo in casa ancora un bel po’.. Aspetto di leggere della tua storia e delle cose bellissime che sicuramente hai da raccontare. Forza che non sei sola! Ps: anch’io ancora nei 30 per 2 mesetti 😉

    Risposta
  • Aprile 15, 2019 in 10:06 am
    Permalink

    ma vi separate anche se coabitate? e come fate a sopportarvi?

    Risposta
    • Aprile 16, 2019 in 7:51 am
      Permalink

      Ciao, lui è disoccupato e si occupa del trasporto dei bimbi al nido e dal nido, ha la sua camera e bagno. A volte è un aiuto, a volte è un inferno.. Qualche volta capita che perde la lucidità per abuso di alcool o per la sua patologia border e diventa difficile da gestire. Probabilmente non andrà avanti a lungo la situazione.

      Risposta
  • Aprile 16, 2019 in 8:05 am
    Permalink

    io finchè lui non si stabilizza col lavoro ci devo convivere per forza.. casa piccola un bagno solo e dormiamo ancora assieme come fratelli… ma no ne posso davvero piu.. ci credi?

    Risposta
    • Aprile 17, 2019 in 7:15 pm
      Permalink

      Certo che ci credo! Io sto cercando di fargli iniziare un percorso psicologico..

      Risposta
  • Aprile 19, 2019 in 2:48 pm
    Permalink

    purtroppo quella è una cosa che senti dentro.. Anche io l’ho spinto ma senza successo

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *