Cosa cambierei nella mia vita

Se si potesse viaggiare nel tempo cosa cambieresti della tua vita?

La risposta da separata sarebbe semplice: non mi sposerei più, o forse non con l’uomo che invece avevo scelto… ma non è così… in fondo è stato vero amore, quindi perché rinnegarlo?

E poi ci sono state anche cose belle vissute in coppia, quindi no, non lo cambierei.

Inoltre, da questa unione, sono nati due figli che adoro e che hanno qualcosa del padre e sono fantastici così.

Qualcuno potrebbe chiedersi perché mi sono separata se lo amavo, perché ho messo la parola fine al mio matrimonio… non è semplice spiegare che la verità è che non è la persona accanto a te ad essere cambiata, ma sei tu; quello che ti stava bene di lui, la sua gelosia, anzi il suo senso di possesso ….io ero sua e basta, guai anche agli sguardi che ricevevo, anche perché poi la colpa ricadeva su di me: mi diceva che ero troppo appariscente o troppo provocante, non sapevo mai come dovevo vestirmi per piacere esclusivamente a lui.

Sentirsi sbagliata e dargli ragione perché per amore credi di poter sopportare qualunque cosa, ma invece non è così, un giorno, poi un altro, alla fine arriva quel giorno che dici no… non posso camminare a testa bassa per non essere guardata, o nemmeno salutata da un conoscente sennò so già che sarò accusata di dare troppa confidenza a tutti.

Insomma la donna non è più la moglie accondiscendente che era prima, si è risvegliata dal torpore di quello che era l’amore soffocante del marito.

Non è stato facile comprendere di non essere sbagliata, di non aver mai mancato di rispetto a lui;  difficile abituarsi al fatto di non doversi nascondere per non essere vista.

In quei momenti avrei voluto essere più dura, non fragile e sottomessa come sono stata. Comprendo solo adesso che sono stata io a permettergli di farmi tutto questo. Il suo amore mi stava schiacciando, ero priva di carattere e di autostima, tanto da credere di non saper fare niente senza di lui.

Adesso mi rendo conto che queste cose avrei dovuto urlargliele in faccia, avrei dovuto dirgli che lo amavo, ma che non ero una sua proprietà, che volevo essere libera, non di tradirlo, ma di amarlo e di rispettare me stessa in quanto donna.

Ecco cosa cambierei… cercherei di farmi capire e rispettare da quell’uomo che ho amato e che è il padre dei miei figli, gli mostrerei chi sono e chi sono diventata.

Tornassi indietro all’altare direi ancora quel si, ma nella vita avrei dovuto dire anche qualche no… Probabilmente avrebbe tenuto il broncio o avremmo litigato, ma poi sarebbe arrivato il momento di fare la pace e saremmo ancora sposati.


Un pensiero riguardo “Cosa cambierei nella mia vita

  • Giugno 14, 2019 in 1:05 pm
    Permalink

    Mi permetto una piccola riflessione… hai (giustamente) detto basta al fatto di sentirti sbagliata quando sbagliata non eri… ma concludi dicendo che se tu ti fossi comportata in modo diverso sareste ancora sposati… come a dire… anche questa è colpa mia.
    Per carità… tra vittima e aguzzino c’è un confine molto labile… ma farei una netta distinzione tra le colpe di chi ti vede come una sua proprietà e la debolezza di chi non riesce a ribellarsi.
    Ammiro la tua forza e anche la mancanza di rabbia e rancore, questa tua maggiore consapevolezza e serenità ti rende libera di essere ciò che vuoi essere adesso

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *