Il futuro appuntamento

Partiamo dal presupposto che non ho tutte le risposte, anzi ho molte più domande da porre ai signori maschietti…

Dato il mio vissuto con un matrimonio alle spalle fallito, vorrei capire: come devo pormi con un altro uomo?

Racconto tutto di me e del mio passato magari partendo dalle flippe che avevo da ragazzina, sentendomi proprio cessa in confronto alle altre, parlo di tutte le mie fobie del tipo mi fanno schifo i serpenti, i topi, gli scarafaggi e tanti tanti altri esseri striscianti in generale, a volte anche uomini viscidi, con in testa un solo pensiero… Ci siamo capiti (quello insomma), il sesso, che neanche noi donne sdegniamo ma non è la nostra ragione di vita.

Ci pensiamo anche noi ma senza fare dei sondaggi su quanto lo vorremmo fare o dove o con chi, per noi è importante ma non fondamentale e il nostro partner lo amiamo anche se fosse un pochino carente sotto quell’aspetto, perchè l’intesa è anche mentale e sentimentale e non tradiremmo per quel motivo, io ovviamente parlo per me, ognuno è libero di cercare il suo equilibrio come crede nella sua vita.

Se penso a come pormi nella prospettiva di un futuro appuntamento, dovrei raccontargli del mio passato da donna sposata e del perchè non ha funzionato?

Magari se non lo facessi la domanda potrebbe porsela lui, una cosa del tipo “Chissà cosa avrà mai combinato” oppure… “Dove sarà il difetto? Sembra perfetta, simpatica, carina, ma cosa nasconde? Un carattere difficile oppure è un’infedele seriale o che altro insomma!”

Allora dovrei fare la donna enigmatica, del genere sono come mi vedi, il mio vissuto ormai non esiste più e devi capire tu chi sono, cosa mi aspetto dal futuro e da una relazione.

Boh, ecco mi piacerebbe ad un appuntamento andare con un questionario e porci tutti e due delle domande, risponderci guardandoci in faccia mica online… per capirsi, perché onestamente farei tante tante domande e io darei anche tante risposte, magari a lui non piacerebbe sentirle, ma penso che comunicare sia alla base, certo l’attrazione deve esserci ma se accetto un invito a cena ho già risposto a una delle domande… sì, mi piaci.

Poi verrebbero le altre ma senza paranoie o essere pallosi, è bello ridere raccontandosi, sorridere insieme e far vedere che i tuoi difetti, in fondo, ti rendono unica, magari ti troverebbe un pò folle ma la normalità è piatta e a nessuno piace!!!

Infatti riesco ad incasinarmi la vita meravigliosamente bene…


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *