Dopo questa vita

Cosa c’è dopo questa vita?

O se preferite… cosa c’è dopo la morte?

La solitaria certezza è che prima o poi i nostri cari ci lasciano e più ci sono cari più grande è il vuoto che lasciano, più ci sono cari e più ricordi lasciano per riempire nel tempo tale vuoto.

Ma, ahimè, brutta cosa è la morte!

Inesauribile, onnipresente, cieca, gelida, appiccicata a belli e brutti, a vecchi e bambini, a uomini e donne, sempre indaffarata…più della vita!

Immaginatevi ora, se nella vita terrena non facessimo nulla di buono da lasciare in memoria quanto sarebbe ancora più triste il trapasso!

Perché, vedete, questo fa la differenza, questa è la magica teoria della reale immortalità.

L’incantesimo che trasforma la fine della vita terrena nell’inizio di una vita nuova vista da una dimensione diversa, mostrando il risultato di quanto ricamato in giorni e giorni apparentemente uguali ma consumati invece dal sorriso verso il prossimo, dal sostegno ai più deboli, dall’ascoltare e consigliare tutti regalando parole di conforto.

Dall’essere insomma caritatevoli moralmente e materialmente.

Solo questo permette a chi ci lascia di stabilire un contatto eterno con i posteri, di aggrapparsi tramite un cordone ombelicale, un groviglio di radici che, anzi, diventano àncora.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *